top of page
  • Immagine del redattoreAlessio Fracchia

Camaiore - lo spettacolo dei Borghi

Adagiata ai piedi delle Alpi Apuane, Camaiore è una città antica e deve le sue origini ai romani che, dopo aver fondato Lucca, realizzarono alcuni avamposti alle pendici del Monte Prana. Tra questi c’era Camaiore, che deve infatti il suo nome all’antico toponimo Campus Major, con cui si identificava l’ampia pianura che collega Lucca al porto di Luni.

Questo territorio divenne poi dominio longobardo e dei signori feudali di Lucca che ne fondarono l’impianto originale, cominciando a farla sembrare la graziosa cittadina medievale che si può ammirare ancor oggi.

Durante il Rinascimento Camaiore passò sotto il dominio degli Sforza, che proseguì fino al 1799, quando la città cadde nelle mani delle truppe napoleoniche che la depredarono di molte opere d’arte.






Cosa vedere a Camaiore Oggi Camaiore mostra negli edifici signorili del suo centro storico, la testimonianza delle vicende che ne costituiscono il passato: tra queste ci sono la bella Collegiata di Santa Maria Assunta, di pianta a croce latina, risalente al 1260; la Chiesa di San Lazzaro, con il chiostro; e l’austera e longobarda Badia di San Pietro, fondata intorno all’VIII secolo. Merita poi sicuramente una visita Palazzo Tori Massoni, oggi sede del Museo Archeologico. Nel centro del borgo da non perdere il Museo d’Arte Sacra di Camaiore , che nasce per raccogliere e conservare i dipinti, gli arredi e i paramenti sacri che risalgono a un periodo compreso tra il XIV e il XVI secolo. Dal secondo dopoguerra, Camaiore è diventata sempre più nota grazie al suo Lido. Lido di Camaiore è infatti una piacevole ed elegante località di villeggiatura balneare affacciata sull’ampia spiaggia della Versilia, che sin dall’inizio del Novecento col suo garbo ha saputo conquistare personalità come Gabriele D’Annunzio, Eleonora Duse e Vittorio Emanuele III.

Nei dintorni Per scoprire una cavità preistorica di origine carsica, immersa nel Parco delle Alpi Apuane basterà recarsi nella località di Casoli, ed iniziare l'esplorazione della Grotta dell’Onda. Da visitare anche il Castello di Montemagno, situato proprio in questo territorio. Si può visitare la tomba di Villa Mansi, collocabile tra il VII e VI secolo a.C, che testimonia la presenza di un insediamento etrusco a Camaiore. Il centro è poi attraversato dalla Via Francigena nella Tappa 26 che da Massa arriva fino a qui e nella Tappa 27 con arrivo a Lucca .

Eventi Ogni anno in occasione della processione del Corpus Domini nel mese di giugno, il centro storico di Camaiore si riempie dei tappeti di segatura, detti “pula” in dialetto camaiorese. L’antica tradizione è portata avanti da un gruppo di tappetari che realizza suggestive opere figurative lunghe fino a quaranta metri, colorando tutta quanta la città.

Prodotti locali Non può mancare un assaggio a due prodotti tipici della zona: il Lardo e la Mortadella di maiale di Camaiore, due salumi dal sapore deciso, sempre presenti nelle tavole della Versilia. Da non dimenticare anche la tortadipepe, una torta di riso piccante. Si dice che ogni famiglia abbia una ricetta particolare, per questo la sua preparazione prevede differenti sfumature. La torta di pepe viene confezionata, soprattutto nel periodo Pasquale, dai forni e ristoranti di Camaiore nonché dalle famiglie stesse.




Monumenti ai caduti. Innanzi la Badia di San Pietro è collocata la lapide che ricorda i caduti della grande guerra (1915-1918). La lapide riporta le fotografie dei caduti e la seguente inscrizione "Pax viva eterna all'ombra del suo santuario la memoria dei confratelli della SS. Pietà caduti valorosamente nella grande guerra Cap. Lari Pietro, Sol. Altamura Bernardo, Antonelli Angelo, Angeli Eugenio, Dalle Luche Adolfo, Dalle Luche Angelo, Fibbiani Vincenzo, Romboni Diomede, Dalle Luche Vincenzo, Moriconi Alfredo, Salvietti Ferdinando". Un'altra lapide posta dal Comune di Camaiore ricorda altri trenta caduti e riporta la seguente inscrizione "Nei giorni oscuri della violenza caddero vittime innocenti della cecità della rappresaglia e della guerra i cittadini vollero che questo cippo fosse posto a memoria affinché coloro che verranno ricordino."




12 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page